Green pass: "Dal 5 agosto obbligatorio per ristoranti, cinema e palestre"

A partire dal 5 agosto la carta verde servirà per accedere a bar e ristoranti, solo se si mangia e si beve al chiuso seduti al tavolo. Sarà obbligatorio anche per palestre, cinema, teatri, musei, stadi e palazzetti per eventi sportivi o concerti.

Per ottenere il green pass sarà necessaria una sola dose di vaccino o, in alternativa, il tampone negativo. È quanto emerge dalla cabina di regia col premier Mario Draghi a Palazzo Chigi per fare il punto sull’estensione della Certificazione verde. Il decreto legge sarà varato dal Consiglio dei ministri questo pomeriggio, anche se restano alcuni nodi da sciogliere. Anche se il Pass varrà dal 5 agosto, il decreto dovrebbe entrare in vigore già dal 23 luglio per evitare che con i parametri attualmente in vigore alcune regioni passino in giallo.

Bar e ristoranti

Il green pass dovrebbe essere esibito al bar e al ristorante per sedersi, se la consumazione avverrà all’interno del locale. Non all’aperto né tantomeno al bancone.

Palestre, cinema, teatri e musei

Per andare in palestra, per guardare un film al cinema, assistere a uno spettacolo in teatro o visitare una mostra o un museo servirà il Green Pass a partire dal 5 agosto. Certificato verde anche per piscine, centri termali e fiere.

Stadi e concerti

Negli stadi e ai concerti solo con green pass, ma sono ancora “in via di definizione le soglie di riempimento”, fanno sapere fonti dalla cabina di regia.

Discoteche

Le discoteche resteranno chiuse, anche in zona bianca.

Treni, aerei, bus e obbligo vaccinale fuori dal dl

Nel decreto legge anti-Covid non dovrebbero esserci norme sull’uso del Green Pass per accedere ai mezzi di trasporto, né quelli di lunga percorrenza – come aerei, treni, navi – né quello pubblico locale come gli autobus, i tram e le metropolitane. Un tema che però, spiegano dalla cabina di regia, “dovrà essere affrontato a stretto giro”, forse già la prossima settimana, anche se la novità potrebbe essere introdotta a settembre. Nel decreto non ci sarà nemmeno l’obbligo di vaccinazione per i docenti e i dipendenti della scuola.

Tamponi gratis o calmierati

Tra le ipotesi allo studio del governo c’è quella di rendere gratuiti o calmierare i prezzi dei tamponi per gli under 18 che sono ancora in ritardo sui vaccini visto che la campagna nazionale ha dato priorità alle fasce anagrafiche più a rischio e per tutte quelle persone che per comprovate ragioni mediche non possono vaccinarsi.

La mini-quarantena

La quarantena potrebbe essere ridotta per chi ha il Green pass ed entra in contatto con un positivo. Nulla cambierebbe invece se ci si ricontagia o ci si infetta nonostante il vaccino.

Zona gialla

Il limite tra la zona bianca e la zona gialla sarà stabilito dalla percentuale di occupazione dei posti letto disponibili che si aggiunge al criterio dell’incidenza che resta fissato in 50 casi ogni 100 mila abitanti. L’indicazione della cabina di regia è fissare il limite al 10% per le terapie intensive e al 15% per i reparti ordinari.

Zona arancione

Per passare in zona arancione le soglie sono state fissate al 20% di occupazione dei posti disponibili per le terapie intensive e al 30% per le aree mediche.

Zona rossa

Si entrerà in zona rossa quando le terapie intensive saranno piene più del 30% e i reparti ordinari più del 40%.

Proroga dello stato di emergenza

Dalla cabina di regia arriva anche l’indicazione di prorogare lo stato di emergenza fino al 31 dicembre 2021.

LEGGI ANCHE:

Di Antonio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *