Il blitz di Andrea D’Emilio alla biblioteca provinciale di Pescara

Inchieste

La biblioteca provinciale di Pescara resa inagibile da dieci mesi e chiusa al pubblico. Andrea D’Emilio, rischiando una diffida, ci spiega perché la biblioteca poteva rimanere aperta e quali sono gli intrecci politici ed economici che ne prevederebbero la riapertura a Febbraio 2013.

 http://www.youtube.com/watch?v=Ih-A15KOayA

«Tu dirigente Nicoletta Bucco che percepisci 7mila euro lordi al mese non puoi chiudere la biblioteca così, devi averli a cuore i libri», questo è il tono usato da Andrea D’Emilio nel suo reportage all’interno della biblioteca provinciale di Pescara per denunciarne a gran voce l’inagibilità. «Il presidente della Provincia doveva stanziare subito i finanziamenti per la biblioteca visto che ha un avanzo di bilancio di 6 milioni di euro» continua D’Emilio. Non solo, secondo D’Emilio, la biblioteca poteva rimanere aperta ma, gli eventuali lavori, potevano essere fatti i fine settimana senza interrompere un servizio «Tutti sono chiamati a scendere nei depositi della biblioteca per protestare contro questo scempio» aggiunge D’Emilio «180mila volumi bloccati in una biblioteca chiusa». Nella sua passeggiata D’Emilio accusa anche il direttore Fimiani che: «in tutti questi mesi ha solo parlato. Cosa hai fatto? Dovevi solo agire, scendere in biblioteca». Poi Andrea D’Emilio si sposta con la sua telecamera e l’elmetto corredato di lampada verso il reparto filosofia:«ora arriverà la polizia provinciale a fare la solita farsa trattandoti come il delinquente ma dovrete chiudermi in una cella per impedirmi di essere libero». Come dire, non finisce qui.

 

di Assalto allo Stato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *