Caos ritardi Cassa integrazione: ecco il documento che incastra l'Inps

Caos ritardi Cassa integrazione: ecco il documento che incastra l’Inps

Notizie

Ancora oggi sono tante le persone in attesa di ricevere la Cassa integrazione. A far capire cosa è accaduto è un documento interno Inps.  

Il Presidente dell’Inps, Pasquale Tridico, e il ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo, hanno dichiarato che sono solo 123.542 le persone ancora in attesa di ricevere la cassa integrazione oggi. Le stime dicono che il 96% dei versamenti è stato fatto e, pertanto, solo una piccola percentuale di lavoratori deve ancora ricevere il sostegno economico promesso dal Governo.

Il documento che smentisce Tridico e Catalfo

Ai numeri diffusi da Tridico e Catalfo si antepongono quelli resi noti da Maurizio Gasparri. Il senatore di Forza Italia, nello specifico, ha fatto trapelare in queste ore un documento interno Inps, dove risulterebbe che le persone in attesa di ricevere la Cig sono circa dieci volte di più rispetto ai 120 mila del report ufficiale.

Bonus 600 euro: dovranno restituirlo i “poveri” ma non i ricchi. Ecco chi rischia il reato di falsa dichiarazione

Inps, disastro Bonus 600 euro: un sistema informatico che costa oltre 400milioni di euro

Nel documento, in particolare, si evince che mettendo insieme cassa ordinaria, in deroga e fondo d’integrazione salariale, 1 milione e 200 mila sono i lavoratori che ancora devono essere pagati. Dunque, si parla di oltre un milione di persone in attesa, ma tiene conto di tutte le persone che avevano richiesto la cig (e fa la differenza poi con quelli che effettivamente l’hanno ricevuta, ottenendo quel risultato). Tra questi rientrano anche tutti quelli che si sono visti rifiutare la domanda per mancanza di requisiti e quelli che non l’hanno ricevuta perché non hanno confermato la richiesta.

Bonus 600 euro, ennesima data dei pagamenti: “entro il 17 aprile”. Storia semiseria di un uomo imbarazzante: Tridico

I disastri di Tridico all’Inps: tra pensioni sbagliate, hacker e assegni bloccati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *