Spread the love

Dunque, i cervelli, almeno per una volta, non sono fuggiti all’estero ma, anzi, quelli che erano ‘fuggiti’ sono tornati accompagnati da giovani e investitori di altre nazioni.

Dimostrazione ne è stato il fatto che, qualche settimana fa, a Pescara, nell’ambito del progetto “Start Talk: voce alle start up“, dedicato alle start up sostenute dal fondo StartHope, ragazzi abruzzesi e di altre regioni hanno presentato le loro idee già avviate sul mercato. Tra i relatori che hanno partecipato all’evento, Rocco Micucci, presidente Fira che ha dato via al progetto, l’Amministratore Delegato di Invitalia Domenico Arcuri, il Responsabile di Tech-Hub Giovanni De CaroPresente anche l’Assessore alle Attività Produttive della Regione Abruzzo Giovanni LolliRiccardo Luna, noto giornalista e social innovator, è stato affidato il compito di mediatore e conduttore della tavola. Luna è stato da poco nominato anche Digital Champion del governo, con il ruolo di referente per l’Italia per la politica dell’Agenda Digitale Europea.

{youtube}http://www.youtube.com/watch?v=H5CTg1C8ExI&feature=youtu.be{/youtube}

Start Up Start Hope è un fondo del progetto POR FESR 2007-2013 attività 1.2.2. pensato per la nascita e crescita di imprese innovative, capaci di creare occupazione, attrarre capitali e talenti, promuovere lo sviluppo del territorio e del Paese. Il fondo Start Up Start Hope sostiene le piccole nuove imprese innovative operanti in Abruzzo, attraverso la partecipazione al capitale di rischio. La dotazione finanziaria del fondo è di € 14.000.000,00 e prevede la partecipazione al capitale sociale delle piccole imprese innovative.

Start Up Hope ha dato opportunità aziende come Oncoxx Biotech di sviluppare nuove cure anti-tumorali e test diagnostici correlati (di laboratorio e radiologici). “Oncoxx Biotech S.r.l – spiega Saverio Alberti Ceo della company abruzzese – è stata fondata su partnership tra ricerca universitaria, strutture ospedaliere ed imprenditori privati.” 

Il principale prodotto offerto da Cyber Dyne sul mercato è il software KIMEME – ci dice Ernesto Mininno founder della società – . KIMEME è una piattaforma aperta di ottimizzazione realizzata in Java e Python in grado di essere facilmente interfacciata con i più diffusi software commerciali di analisi CAE/CAD per la realizzazione di progetti altamente efficienti ed ottimizzati.”

Altro progetto interessante è Apptripper ovvero una social app in grado di digitalizzare i percorsi turistici nelle città d’arte italiana suggerendo, la destinazione all’utente con un sistema di riferimento di geolocalizzazione puntato su beni artistici accessibili al pubblico. Dove possibile, si prediligono sistemi “minori” e /o beni non compresi nei tradizionali percorsi turistici. Taggalo, già premiato al Working Capital Tour, è un sistema realizzato dal CNR in grado di valutare l’impatto delle pubblicità audiovisive presenti nelle stazioni e nei luoghi affollati, una valida soluzione al fine di misurare il ritorno reale per chi investe in questo tipo di promozione.

Insomma, le idee e i progetti che funzionano ci sono. E, pare, anche qualcuno in grado di anticipare il futuro del business.

ZdO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Segnalaci la tua notizia